mercoledì 16 agosto 2017

"Beren e Luthien" di Tolkien, o il fascino eterno delle fiabe


Ciao a tutti! :D

Ultimamente sono molto fiacca e non sto leggendo tantissimo...gli ultimi giorni prima delle vacanze si trascinano sempre un po' così! xD Ma non temete, a settembre tornerò attiva con nuove recensioni e qualche altra "scrittrice nella brughiera"! ^^
Mi sono però accorta di aver dimenticato di parlarvi di un libro che ho letto da un po' e letteralmente adorato: cioè "Beren e Luthien" di J.R.R Tolkien, l'ultimissimo volume dato alle stampe dal solerte figlio Christopher! ^^


Credo di non aver ancora mai parlato di quest'autore sul blog, ma non è certo perché non sia uno dei miei preferiti, anzi: Il signore degli anelli e Il Silmarillion sono tra le opere più belle che abbia mai letto (ho apprezzato meno Lo Hobbit, ma perché credo di averlo letto un po' troppo tardi); però li ho letti molti anni fa, e da quando ho aperto il blog ho sempre preferito soffermarmi su libri e autori letti da poco, per potervene parlare con la freschezza delle prime impressioni! ^^
Ecco perché quando ho visto questa nuova pubblicazione sono andata letteralmente in brodo di giuggiole! xD Finalmente infatti posso dare un po' di spazio a uno dei miei scrittori preferiti...e vi anticipo già che non sarà l'ultima volta!^^
Premetto che Beren e Luthien non era il mio racconto preferito del Silmarillion. Lo lessi piena di aspettativa proprio per l'aura leggendaria che circondava i due protagonisti, ma lo trovai un racconto scarno, frettoloso, dove sinceramente non c'era traccia dell'appassionata storia d'amore tra l'uomo Beren e l'elfo Luthien di cui avevo tanto sentito parlare.
E il motivo è presto spiegato: quella che c'è nel Silmarillion non è che una (e a mio parere la meno riuscita) delle versioni dell'opera elaborate dall'autore nel corso del tempo! In questo volume appena pubblicato finalmente le troviamo tutte riunite in un solo volume e che dire...sono uno spettacolo! *_* 
La prima versione presentata è "Il racconto di Tinuviel", che si trova già in una delle raccolte di racconti e frammenti Tolkeniani sempre a cura del figlio, cioè "Racconti perduti". Si tratta della versione più propriamente fiabesca della vicenda, molto più vicina allo stile de "Lo Hobbit" che a quello del Silmarillion: bellissima la descrizione dei malvagi gatti giganti servitori di Morgoth, e dell'astuzia di Tinuviel nel fregarli! ^^ A tal proposito Tolkien sembra quasi rifarsi a quelle ataviche leggende che vedono i gatti come creature della notte, ostili all'uomo, e i cani come suoi grandi amici (poveri micetti! xDD)

Luthien e i gattacci xD

Ma la parte che ho preferito è stata sicuramente la narrazione in versi detta "Lai di Leithian": conserva infatti l'aspetto fiabesco (ritroviamo, per esempio, il fedele cane Huan che appare già nel racconto precedente) ma i toni si fanno più aulici e più simili alla prosa del Silmarillion. Alcuni brani mi hanno letteralmente incantata per la loro struggente bellezza *_*

"Se anche il mondo cadesse in rovina
e si dissolvesse e riprecipitasse,
disfatto, nell'antico abisso,
la sua creazione fu buona cosa, per questo:
per l'alba, il crepuscolo, per la terra, il mare;
e perché Luthien è esistita per un poco!"

I brani mancanti del Lai (che però è piuttosto esaustivo e autoconclusivo) sono compensati da quelli del Silmarillion e da altri frammenti riguardanti i due innamorati o anche le peregrinazioni e la storia di Beren, che da "gnomo" (così è chiamato nel primo racconti) diventa in seguito un uomo dalla genealogia più complessa.
Il volume è impreziosito dalle splendide illustrazioni di Alan Lee e si legge davvero tutto d'un fiato!

Imperdibile per chi ama Tolkien, dato che, come sicuramente saprete, questa storia aveva per lui un valore particolare: pare infatti che il personaggio di Luthien gli sia stato ispirato dalla sua stessa moglie, che danzò per lui in un bosco quando erano giovani... e a conferma del forte significato che egli vi attribuiva, volle che sulle loro tombe fossero scritti anche i nomi di Beren e Luthien <3
Ma a mio parere questo lungo racconto in più versioni può essere letto e apprezzato anche da chi non ha ancora letto nulla dell'autore perché, pur essendo collegato all'immenso affresco della Terra di Mezzo, è comunque anche una splendida fiaba a se stante. Temevo la frammentarietà del testo e l'intervento troppo invasivo del curatore, invece il testo è così fluido che sembra di avere davanti un romanzo completo!



Insomma, il fascino senza tempo delle fiabe ha colpito ancora! *_*
Queste storie d'amore ricche di avventura, magia e mistero fanno proprio bene al cuore, e quando poi la vita di uno scrittore si intreccia con la fiaba personale che lui stesso deve aver vissuto il risultato è favoloso! ^^

Titolo: Beren e Luthien
Autore: J.R.R. Tolkien (a cura di Christopher Tolkien)
Casa editrice: Bompiani
N. Pagine: 280
Prezzo: 22 euro

martedì 1 agosto 2017

"Primavera senza sole", di Maria Messina


Ciao a tutti! ^^

Inizio questo caldo, caldissimo mese d'agosto parlandovi di un libro il cui titolo mi rinfresca solo a pronunciarlo: "Primavera senza sole" di Maria Messina, by Edizioni Croce!



Edizioni Croce ultimamente pure sta riesumando tantissimi testi non ancora tradotti in italiano (come racconti e romanzi inediti di Elizabeth Gaskell) o semi-dimenticati: quest'ultimo caso è quello di Maria Messina, scrittrice siciliana di stampo verista/decadente (nelle sue opere si ispira talora a D'Annunzio, talora a Verga, con cui intrattenne anche una proficua corrispondenza) inspiegabilmente assente dai programmi scolastici ma a mio avviso assolutamente meritevole di starci. L'ho conosciuta grazie a un suo racconto incluso nella raccolta "Un Natale tutto per sé" (pubblicata sempre da Edizioni Croce e contenente anche altri racconti sia italiani che stranieri, rigorosamente al femminile) e ho subito visto che era nelle mie corde! *_*

Maria Messina
"Primavera senza sole" è il terzo romanzo dell'autrice che vede nuovamente la luce grazie a questa casa editrice, ma è il primo che leggo: appena ho letto la trama infatti ne sono stata irresistibilmente attratta grazie alla sua protagonista, una ragazza disagiata persa tra sogni e fantasie.
Siamo nella Sicilia di inizio '900 e Orsola, figlia di borghesi che versano in gravi difficoltà economiche, studia senza posa per conseguire "la patente", ovvero una sorta di diploma che le apra la strada per l'insegnamento (sempre previa raccomandazione del ricco zio con le mani in pasta in politica, ché qui al Sud cambiano i secoli ma non le Istituzioni..). Nel frattempo per aiutare la famiglia dà ripetizioni agli svogliati cuginetti ricchi e a Nele, un timido vicino.
La sua vita è ardua e si dipana lenta come un ruscello strozzato: lo stile asciutto dell'autrice, qui tipicamente verista, ci fa quasi soffocare insieme a lei nelle stanzette strette in cui vive con i genitori e i fratelli, quasi una metafora del suo stesso, ristretto orizzonte di vita, immerso in un immobilismo in cui il passare del tempo quasi non si avverte. Opprimenti sono anche le piccole meschinità che avvelenano la vita quotidiana dei "nuovi poveri": la necessità di non sembrare mai davvero tali (per quanto sia noto a tutti), di ricambiare favori e regali, mantenere alto l'orgoglio. L'unica via di fuga per la sensibile Orsola sono allora i vaghi sogni e le fantasie sul futuro e l'amore.
I pettegolezzi del piccolo mondo in cui vive (circoscritto ancora una volta a un ristretto gruppo di vicini e parenti), la malcelata invidia verso la cugina ricca che sta per contrarre un matrimonio d'amore anche piuttosto conveniente e infine una passione rapida e inaspettata, la condurranno poi verso il destino già scritto dei "vinti" tanto cari anche al maestro della Messina, Verga.

Ho divorato il romanzo tutto d'un fiato, apprezzando particolarmente (dopo tanti romanzi stranieri tradotti in impeccabile italiano moderno) la nostra deliziosa lingua nella sua forma un po' arcaica, sapientemente adoperata dall'autrice. Leggerò sicuramente anche altri suoi romanzi, ma per ora mi sento assolutamente di consigliare questo a chiunque sia incuriosito dal raro sguardo femminile sulle miserie italiane del secolo scorso.

Titolo: Primavera senza sole
Autore: Maria Messina
Editore: Edizioni Croce
N. Pagine: 111
Prezzo Cartaceo: 14,90 euro
Come per tutti i libri di questa casa editrice non esiste ancora una versione ebook.