domenica 20 agosto 2017

Se Dickens fosse stato Americano: Vita e avventure di Jeck Engle, di Walt Whitman


Ciao a tutti! :D

Finalmente sono arrivate anche per me le sospirate vacanze! :D
Ma prima di spegnere il cervello per un po' non posso non parlarvi del romanzo pubblicato per la prima volta in italiano dalla sempre all'avanguardia flower-ed, quasi in contemporanea con la mia piccola biografia (che onore! *_*): cioè il romanzo di Walt Whitman andato perduto e fortuitamente ritrovato solo a febbraio 2017, Vita e avventure di Jack Engle! ^^



L'unica copia esistente di questo romanzo, pubblicato in forma anonima nel 1852 sul giornale vittoriano Sunday Dispatch, è stata ritrovata in un archivio della Biblioteca del Congresso da Zachary Turpin, ricercatore della University of Houston.
Si tratta di un ritrovamento davvero significativo, che getta luce sui primi anni di scrittura dell'autore celebre soprattutto per la raccolta poetica "Foglie d'erba", e quasi rappresenta una cerniera tra la sua attività di romanziere e quella di poeta. 
Devo dire che ha un impianto quasi "dickensiano"! *_* Il protagonista, il newyorkese Jack Engle, parla infatti in prima persona della sua vita un po' sui generis: orfano destinato a un'infanzia malfamata, viene inaspettatamente salvato da una famiglia di affettuosi e onesti lavoratori, per accontentare i quali, giunto all'età adulta, intraprende la professione di avvocato. Proprio lavorando presso uno studio legale scopre alcuni interessanti segreti che gettano luce sul suo passato...
Il romanzo, che vanta la traduzione sempre scorrevole e impeccabile di Riccardo Mainetti, non è molto lungo e articolato: anzi, ha un impianto narrativo molto semplice e a tratti sembra quasi un esperimento (si vede che l'autore ancora cercava il modo migliore per esprimere la propria creatività), ma al contempo è ben congegnato, nonché ricco di riflessioni interessanti.
Se Charles Dickens fosse nato in America probabilmente avrebbe scritto proprio così: adattando cioè i temi a lui cari (poveri orfanelli, furfanti d'ogni tipo, fughe e agnizioni) al ritmo più rapido consono ai gusti del Nuovo Mondo! xD
Infatti lo spirito americano di quegli anni, fatto di pragmatismo e possibilità sconfinate, vive davvero potente tra queste pagine, dove tutto, anche i sentimenti più forti, si traduce in azione, e dove l'individuo sembra sempre padrone del suo destino:

"Ero felice che mi fosse stato dato di vivere in questa gloriosa città di New York, nella quale, se uno non ha un'attività né gioia è principalmente colpa sua".


"[...] non sono certamente il genere di persone che si preoccupano per il corso degli affari, finché godono di buona salute e riescono a vivere dignitosamente e possono vedere i propri amici felici come loro. Che meravigliosa filosofia di vita è questa! Che peccato non poterla vedere applicata da più persone, in questo mondo di problemi più inventati che reali -importanti come questi ultimi". 



Una vera chicca, per appassionati dell'autore e non...a me ha fatto venire voglia di conoscerlo meglio, visto che, ahimè, ho all'attivo solo poche poesie della sua raccolta più celebre! ^^'
Recupererò: te lo prometto, Walt! xD




Titolo: Vita e avventure di Jack Engle
Autore: Walt Whitman
Casa editrice: flower-ed
N. Pagine: 156
Prezzo cartaceo: 14 euro (lo trovate qui)
Prezzo ebook: 7,99 euro (ma ora è in sconto a 4,99, approfittatene!)

2 commenti:

  1. Una recensione assolutamente meravigliosa. Grazie infinite e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e tantissimi complimenti a te! *_*

      Elimina